Alter Arte 


Alter Profilo  Home  Quaderni  Primo Piano Bacheca  Links  Cont@tti

Mappa del Sito Ricerca nel Sito

 

ManoscrittoCenni sulla conservazione e il restauro delle stampe antiche e delle opere d'arte su carta

 

 

Le opere cartacee sono senza dubbio tra le più alterabili; la carta, gli inchiostri, i colori, fragili per natura, sono sensibilissimi a fattori negativi come i raggi solari, la polvere, il fumo, l'inquinamento atmosferico, l'umidità.

Alti valori di umidità relativa (o U.R.) che si dovrebbero mantenere tra il 45 e il 65%, sono la maggior causa dell'insorgere di muffe, così come gli sbalzi di questi stessi valori provocano fratture nelle fibre della carta ad opera della dilatazione o restringimento della stessa. Le opere d'arte su carta sono in strettissima correlazione con le condizioni di umidità poiché la produzione di carta inizia con il 99% di acqua. La carta viene prodotta immergendo un teleio in una vasca di acqua contenente un miscuglio di fibre, le fibre si adagiano sul telaio e l'acqua sgocciola via: questo processo viene ripetuto varie volte finché non si ottiene lo spessore desiderato. Alla fine questo "lenzuolo" di fibre intrecciate viene compresso o fatto asciugare per eliminare l'umidità in eccesso, e come risultato finale si ha un foglio di carta. Se, con il passare del tempo, la carta si secca troppo allora le fibre potrebbero diventare fragili e questo può causare incrinazioni e rotture della carta, specie se maneggiata con poca attenzione. L'umidità agisce continuamente sulla carta, facendola espandere e contrarre, le opere d'arte su carta potrebbero evidenziare una certa ondulazione in superficie, che si modificherà di volta in volta, a seconda dei cambiamenti di umidità ambientale. Quando l'opera d'arte si trova esposta ad eccessiva umidità, quest'ultima può concentrarsi, insieme a corpi estranei, sopra e all'interno dell'opera, creando linee di riflusso.

La luce è uno dei fattori da considerare in primo luogo e non solo la luce che noi distinguiamo, ma anche i raggi di luce non visibile; la parte ultravioletta dello spettro infatti è da considerarsi la più deleteria. La luce del sole, diretta o riflessa, contiene l'intero spettro di raggi luminosi, si presenta più intensa, e causa problemi più gravi dell'illuminazione artificiale. Anche la maggior parte delle luci fluorescenti emettono raggi ultravioletti e, sebbene la loro intensità non ia così forte, possono comunque danneggire le opere d'arte. La maggior parte delle abitazioni ha l'illuminazione incandescente e spesso tale luce raggiunge indirettamente l'opera d'arte; quest'ultima è senz'altro una condizione migliore di illuminazione rispetto allaluce solare, diretta e riflessa, oppure alla luce fluorescente. L'esposizione alla luce intensa provoca una variazione di colore in alcuni tipi di carta di pastalegno, questa accellerato deterioramento della carta è chiamato "bruciatura da acido". Quando l'opera d'arte è illuminata da un faretto, la luce non dovrebbe generare calore sull'opera e l'intensità dovrebbe essere ridotta al minimo, le singole fonti di illuminazione non dovrebbero essere superiori ai 25 Watt e non dovrebbero generare ulteriore calore. La luce è un fattore importante nella cura delle opere d'arte su carta e dovranno essere sempre presi in considerazione il tipo e l'intensità, causa di danni alle opere d'arte non è soltanto la parte ultravioletta dello spettro ma la luce in sé e per sé; una buona regola è "meno luce c'è, meglio è".

Tutti questi fattori sono dunque nocivi provocando rotture, ingiallimenti, macchie e annerimenti per cui è di rilevante importanza una accurata conservazione di queste così preziose ma fragili opere; è importante capire e considerare come le condizioni in cui l'opera è esposta, così come i materiali usati per la conservazione, possono influire sulla sua durata. L'opera d'arte su carta, come tutti gli oggetti di valore, deve essere trattata con cura particolare e le condizioni ambientali dovranno essere vagliate attentamente. Per assicurare la lunga durata dell'opera d'arte, la si dovrebbe esaminare periodicamente, per individuare e prevenire eventuali cause che potrebbero provocare danni.

I materiali e le tecniche usate nell'incorniciatura possono influire direttamente sulle condizioni future dell'opera e il diretto contatto delle stampe con materiali di supporto altamente acido può causare bruciature. L'acidità o alcalinità di un materiale viene misurata su scala PH da 0 a 14; con PH 0 come totalmente acido, con PH 14 totalmente alcalino e con PH 7 come neutro e cioè ne acido ne alcalino. Ecco perché è assai importante utilizzare nell'incorniciatura solo materiali che abbiano un valore PH di 7 o più. Un valore maggiore di PH salvaguarderà dai danni che potrebbero verificarsi, nel tempo, a causa dei materiali usati.Ruolo importante svolge dunque l'incorniciatura che dovrebbe sempre essere una incorniciatura conservativa, questa espressione che è la traduzione letterale di conservation framing, indica i metodi, le regole, le tecniche e i materiali da utilizzare per incorniciare opere su carta di elevato valore storico o artistico per le quali la cornice deve avere come scopo principale la protezione e la conservazione nell'arco di tempo più lungo possibile.Le opere vanno poste in speciali riquadri comunemente detti passe-partout che devono essere rigorosamente acid-free, ovvero come già accennato con PH neutro quindi esenti da acidi, e fissate al cartoncino di base con due linguette di carta di riso, o nastro gommato con colle neutre, applicate sul rovescio del margine superiore. Nella stampa di un'opera d'arte la goffratura e i segni della lastra, premuti sulla carta, creano spesso delle zone di densità differente, zone di espansione e contrazione ineguali, contribuendo alla mancanza di uniformità di superficie. Non si dovrebbe mai limitare la contrazione e l'espansione della carta che diversamente potrebbe creare rotture e strappi, per questo motivo l'opera va cernierata solo con le due linguette di carta. L'apertura praticata nel passe-partout non dovrà danneggiare il recto della stampa, questa sarà quindi protetta da un vetro ed incorniciata. In questo caso il passe-partout non svolge solo una funzione decorativa in quanto ha il compito principale di evitare il contatto diretto della stampa col vetro che potrebbe creare fenomeni di condensa e quindi l'insorgere di muffe e parassiti.

Talvolta i passe-partout sono utilizzati da soli, senza cornice, per conservare intere collezioni permettendo di maneggiare le stampe con maggiori precauzioni di quelle sciolte. In questo caso per proteggere la stampa in prossimità dell'apertura praticata nel passe-partout si utilizzano delle veline; le stampe così preparate si conservano a gruppi entro scatole di adeguate misure, anche queste costruite solo con materiali neutri.

La stampa oltre ai guasti di cui abbiamo accennato può essere soggetta a numerosi altri danni, ad esempio le malattie della carta causate da germi infettivi danno luogo a muffe e tarli, mentre le macchie di ruggine e le fioriture sono solitamente dovute alla presenza di materiali inclusi nella composizione della carta che nel tempo si sono ossidati, generalmente in soluzione nell'acqua con cui si e prodotta, ma sono causate talvolta anche da altri elementi come le veline di protezione, le lastre di metallo con cui le stampe erano impresse o, come abbiamo già accennato, a causa di materiali acidi e non idonei spesso utilizzati nell'incorniciatura e nella conservazione delle stesse. A volte le stampe antiche hanno subito, nei numerosi anni di soppravivenza, rammendi, restauri sommari o incollaggi su supporti come cartoni che quasi sempre hanno causato danni all'opera sopratutto per l'adesivo utilizzato. Fino ai primi del'900 gli adesivi più utilizzati erano le gelatine animali, la colla di farina, la gomma arabica e la caseina che sono tutti molto instabili e facilmente deteriorabili causando non pochi problemi all'opera a cui sono stati applicati.

Se una stampa non è troppo deteriorata né manca di grandi parti della raffigurazione, la riparazione può essere consigliabile. A un piccolo strappo, a una macchia, a una piega leggera o altri danni si può rimediare senza che l'incisione perda il suo primitivo valore. Oggi la tecnica di restauro permette di salvare opere che fino a poco tempo fa si ritenevano irrimediabilmente perdute. Il restauro va eseguito da specialisti e in nessun caso il collezionista dovrà tentare di riparare o semplicemente pulire una stampa, col rischio di danni che potrebbero rivelarsi irreparabili.

Nel nostro laboratorio di cornici e restauro si possono risolvere con successo la maggior parte di questi problemi.

 

Prima del restauro

 

Dopo il restauro

Particolare di una stampa invasa da muffe e bruniture

 

Lo stesso particolare dopo il trattamento eseguito nel nostro laboratorio di restauro

 

 


A | Home | Quaderni | Primo Piano | Bacheca | Links | Cont@tti
 

Alter via D. Millelire 22 Cagliari

 

 Mail

 


VISITA IL SITO DEDICATO ALLE ANTICHE CARTE GEOGRAFICHE DELLA SARDEGNA

Antica Cartografia della Sardegna

OSPITATO DA Tiscali Free Net

Copyright© 2000 Alter
I contenuti e le immaggini appartengono ai rispettivi autori - Tutti i diritti riservati
The contents and images belong to the respective authors - All rights reserved

sito realizzato da AlterWeb